mercoledì 27 luglio 2016

Review - This is the Police (Steam)


This is the Police è un titolo davvero sorprendente. E' un simulatore di polizia ma anche un thriller con venature psicologiche. E' un'avventura affascinante che vi terrà incollati allo schermo per ore e ore. Anche se la disoccupazione a Friburgo è inferiore all'1%, infatti, criminalità e disordini sono una parte importante del puzzle della città. E scoprirete molto presto quante persone, in questa città, hanno legami con l'area grigia. Se avessero ambientato questo gioco in Italia, nella nostra Roma o in altri centri del nostro Paese, forse sarebbe stato più realistico, ma Friburgo è una città come le altre, e anche qui si nasconde la polvere sotto il tappeto... Il municipio è pieno di persone che sono in attesa di una possibilità per prendere qualche mazzetta, e la città stessa è a un passo dall'essere controllata dalla mafia. Bisogna ammettere che le circostanze in cui il nostro eroe, il poliziotto veterano Jack Boyd, deve operare sono tutt'altro che vantaggiose. Ora, dopo molti anni di duro lavoro, ha finalmente conquistato il suo pass per andare in pensione. O forse dovremmo dire che è stato obbligato a farlo... Jack Boyd è un uomo dagli alti standard morali, ma solo fino ad ora. Il suo compito non sarà facile, dovrà affrontare notevoli rischi e pericoli. Gli sviluppatori infatti ci mettono nei panni del capo della polizia per i suoi ultimi 180 giorni di lavoro. Nei panni dunque di Jack Boyd, avremo sei mesi per guadagnare 500.000 dollari prima di andare in pensione. Per farlo dovrete sorvegliare le indagini, assegnare le unità per contrastare i vari crimini di tutti i giorni, e cercare di non farvi tagliare la testa dai boss della criminalità organizzata. Sembra difficile, ma vi assicurò che lo è ancor di più, ma non per questo non è altrettanto divertente e appassionante!




This is the Police non è un'avventura prevedibile. Una varietà di fattori può ostacolare in modo significativo o - al contrario - rendere più semplice effettuare gli impegni quotidiani. Questo gioco è in realtà una combinazione unica tra un simulatore strategico e un'avventura grafica. Gli sviluppatori hanno scelto un modo molto interessante per guidare il racconto. Praticamente, fin dall'inizio, le nostre scelte determinano ciò che sarà il nostro profilo psicologico, se resteremo integri e fedeli alla polizia o se andremo in cerca di legami loschi con la mafia e i corrotti. Durante lo sviluppo della storia, Jack Boyd si trova costantemente in bilico su un filo sottile, tra la via dell'onestà (solo sulla carta) e quella dell'illegalità. Da un lato, è difficile rifiutare le richieste dei suoi amici più cari, dall'altro è altrettanto difficile andare contro la legge. La storia è raccontata attraverso le immagini e le conversazioni tra i personaggi. Il risultato è di prim'ordine, e la trama è presentata in un modo piuttosto insolito, ma degno di un film. La maggior parte del merito va all'ottimo lavoro dei doppiatori, con Jon St. John, la voce del personaggio principale di Duke Nukem, brillante e ispirato come sempre. In questo aspetto, il gioco ha fatto un ottimo lavoro. Quindi a Friburgo c'è molto da fare. Lo schermo principale è una mappa isometrica di Friburgo. Ogni giorno dobbiamo visionare i nostri poliziotti per valutarne morale e stanchezza. Possiamo promuovere e licenziare i nostri dipendenti, ma questi possono anche rimanere uccisi sul posto di lavoro o andare in pensione. Come nella vita reale, tuttavia, non c'è abbastanza tempo, denaro, o persone da impiegare. Il che significa che spesso si inviano gli ufficiali più deboli alle chiamate meno importanti. Divorziato dalla azione stessa, il gioco vi spinge a prendere parte a una sorta di gioco d'azzardo per vedere cosa succede, e c'è una sorta di mondanità compulsiva in tutto ciò, mentre state seduti a guardare gli effetti delle vostre scelte.


Questa mondanità è la chiave per comprendere il gioco, perché attutisce il vostro attaccamento a qualsiasi personaggio, rendendo la corruzione dilagante più facile da digerire. Si possono guadagnare 500 mila dollari raggiungendo tutti i vostri obiettivi e arrestando i grandi cattivi, ma è probabilmente più facile farlo se siete foraggiati dalla mafia. Ci impegniamo in attività di tutti i giorni, con due turni di ufficiali e investigatori - è importante distribuire correttamente i nostri uomini tra i due gruppi, in quanto possono avere diversi livelli di esperienza, competenze diverse e diversi gradi di volontà di lavorare. Purtroppo, anche il miglior agente di polizia non è un robot - spesso i nostri sottoposti non riescono a presentarsi alla centrale di polizia, e lo fanno senza alcun preavviso, e la nostra scrivania è piena di varie richieste di congedo; le ragioni di assenza rappresentano le più varie: da casi di dimenticanza, a eventi come matrimoni fino ad improvvise emergenze familiari. Naturalmente, spetta a noi decidere se una data persona potrà godere di un giorno di riposo, e tale decisione si rifletterà sul morale degli ufficiali. Il rooster quotidiano che pattuglia le strade di Friburgo non dipende esclusivamente dalla nostra decisione. Spesso abbiamo a che fare contemporaneamente con le scelte fatte al municipio; la maggior parte delle quali sono del tutto assurde dal nostro punto di vista, ma agiscono come mezzo per calmare disordini sociali. Abbiamo a che fare regolarmente con situazioni in cui, a causa del rialzo di tendenze razziste, ad esempio, dobbiamo respingere tutti gli agenti di polizia neri; le femministe d'altra parte saranno forse in grado di costringere i politici locali ad approvare una legge che costringerà a dotare le forze di polizia di personale femminile per almeno la metà. Una cosa di più non sarete mai a corto poi sono i procedimenti disciplinari...


Assegnare gli uomini a singole attività è molto facile e divertente - di volta in volta i vari "punti caldi" appaiono sulla mappa di Friburgo, e le nostre unità si muovono in direzione dell'hot spot. Vari reati richiedono un certo numero di agenti di polizia per gestirli - questo numero è determinato dal numero di finestre aperte dove trascinare i ritratti dei nostri subordinati - naturalmente si può sempre inviare un equipaggio ridotto, ma se gli ufficiali sono inesperti, la decisione può essere gravata da rischi considerevoli. L'efficacia di un intervento della polizia viene misurato in base a diversi fattori - un intervento di successo al 100% ci impone di arrestare i criminali ed evitare vittime sia tra i civili sia tra i funzionari di polizia. Non riuscire a realizzare uno di questi obiettivi comporta una riduzione della quantità di punti di esperienza detenuta da ciascun agente coinvolti nell'intervento. Nel corso di un intervento spesso siamo di fronte a situazioni impreviste - ci viene chiesto regolarmente di cambiare le nostre decisioni in risposta alle condizioni che si trasformano dinamicamente, o possiamo scoprire che un allarme si è rivelato falso. Gli ufficiali ci chiedono anche la nostra consulenza in situazioni di crisi - scegliere la soluzione giusta per esempio durante una trattativa con un uomo sul punto di commettere un suicidio può influenzare la conclusione positiva o negativa di tutta la storia. Tocca a voi, al capo, cosa fare. A parte le operazioni quotidiane, la polizia risponde anche a chiamate aggiuntive, provenienti da fonti completamente diverse. A volte i mafiosi cercheranno di spingervi ad eliminare la concorrenza o tenteranno di corrompervi. I politici locali, a sua volta, invieranno numerose richieste di personale per garantire la festa di compleanno della figlia o custodire una spedizione particolarmente preziosa. Accogliere tutti questi interessi è ovviamente impossibile, non solo perché si escludono a vicenda, ma semplicemente perché non abbiamo un numero sufficiente di ufficiali in servizio. Molte volte dobbiamo scegliere tra gli obiettivi pubblici e interessi privati, che, dal punto di vista morale del protagonista, è una cosa estremamente difficile.


Un elemento interessante del gioco si rivelano anche le missioni di indagine, che affrontiamo con l'invio investigatori. Essi scoprono nuovi dettagli con ogni giorno che passa, e il nostro compito, sulla base delle informazioni che hanno raccolto, è di dedurre una ragionevole catena di eventi relativi al caso. Anche se non è niente di più di un semplice puzzle, l'analisi delle prove acquisite è necessaria per risolvere i casi, che a volte cambiano il loro corso diverse volte durante la nostra indagine. Friburgo può essere piccola, ma non siamo mai a corto di lavoro. Certo, la combinazione di strategia e gioco di ruolo è qualcosa di cui creatori di This is the Police possono essere orgogliosi - il gameplay è dinamico e spesso abbastanza sorprendente, e le nostre scelte hanno un impatto sulla storia. E' vero che il livello strategico a volte può risultare schematico in quanto ripetiamo le stesse azioni nei nostri interventi, ma la varietà di situazioni di emergenza resta abbastanza ampia, il che rende impossibile annoiarsi. Il quadro più grande del gioco è completato dalle immagini originali, composte in grafica vettoriale e disegni di sfondo. Anche se molto semplici, si adattano all'atmosfera misteriosa e funzionano bene con ciò che vediamo e ascoltiamo sullo schermo. Questo gioco può essere eseguito inoltre anche su computer meno recenti. This is the Police dimostra che anche una semplice premessa sulla base della gestione di un gruppo di agenti di polizia può essere presentato da un angolo molto interessante, con una storia ben raccontata e un sacco di diverse scelte morali, in un modo che permette al giocatore di controllare ciò che accade nel gioco.


Conclusione
This is the Police è un gioco davvero divertente, una ventata di aria fresca capace di coniugare il lato strategico con quello narrativo. Quello dei Weappy Studios è uno dei più interessanti giochi indie degli ultimi mesi, e ci ha sorpreso costantemente con le sue tante e originali trovate. Un gioco unico nel suo genere. Gli sviluppatori hanno hanno voluto creare un titolo ambizioso ma sono riusciti a soddisfare ampiamente le aspettative. This is the Police è un titolo eccezionale, il nostro voto è otto e mezzo su dieci.
8.5/10

martedì 26 luglio 2016

Review - Dungeon Punks (PlayStation 4)

Dungeon Punks è un titolo che ricorda capolavori del passato come Double Dragon, Final Fight, Golden Axe con l'aggiunta di elementi RPG che arricchiscono l'esperienza di gioco complessiva. Non poteva dunque passare inosservato al nostro sito, il rilascio di questo interessantissimo titolo. Dungeon Punks combina infatti in modo quasi perfetto il vecchio e il nuovo, confezionando un avventura stimolante e frenetica. Il che di per sé è divertente, anche se non tutto funziona sempre in maniera impeccabile. Dungeon Punks si sviluppa attorno a un gruppo di pirati. L'inizio è subito in salita. Il vostro manipolo di eroi è stato coinvolto in un grosso pasticcio e adesso dovranno provare a risolverlo. Non importa quanta fatica vi costerà, ormai il dado è tratto. La storia per la verità non brilla certo in originalità. E' giusto un preambolo per proiettarvi sulla scena, anzi sul ring. Dungeon Punks è infatti un picchiaduro arcade che supporta fino a tre giocatori, ma non importa quante persone vi faranno compagnia, il vostro team finirà per contenere fino a sei elementi divisi in tre squadre di due. La meccanica dei combattimenti in tag team è interessante, perché può consentire un divertente sistema di combo. Certo ciò richiedere al giocatore di acquisire familiarità con i diversi personaggi e di livellare un po' di statistiche. Questo naturalmente può essere fatto in misura ancora maggiore con amici in carne e osse, finché tutti lavorano all'unisono. Dungeon Punks ricorda in un certo senso titoli del passato, hack 'n' gli slash senza fronzioli a cui aggiunge elementi RPG, statistiche, incantesimi, e armi che i giocatori potranno aggiornare continuamente. Insomma, si tratta di una miscela sicuramente molto gustosa.


Dal punto di vista grafico, il gioco è molto ispirato, pieno di colori e anche i modelli dei personaggi e degli avversari sono ben realizzati. Stupendi risultano poi gli effetti degli incantesimi, mentre un po' macchinosi possono apparire i movimenti. Anche se i livelli sono di aspetto gradevole, potrebbero in breve tempo risultare un po' ripetitivi, e la musica non fa molto per limitare questa sensazione. Tutto ciò è un vero peccato, perché lo stile artistico è in definitiva convincente e originale. Molte delle missioni e delle quest secondarie risultano un po' troppo simili a volte e di solito richiedono un determinato elemento o incantesimo, o semplicemente che il gruppo elimini un boss di fine scenario. Letteralmente il gioco inizia con la vostra squadra che sta effettuando una consegna ad un re e una regina il cui animale viene poi rubato. Naturalmente si deve andare salvarla o sarete nei guai con il regno. La situazione per i nostri personaggi procede a spirale in un crescendo di difficoltà. La storia non si prende mai troppo sul serio e l'umorismo eccelle anche a causa di questo. I dialoghi arricchiscono ulteriormente la storia. Il tutto viene assunto con un senso di assurdità, ma in senso buono. Anche la reazione dei vostri personaggi alle richieste di aiuto sapranno farvi sorridere. Vi stupirete nell'osservare le cose trasformarsi in un modo mai previsto.Il titolo rende omaggio a capolavori del passato, ma senza rinunciare a ibridarlo con nuove trovate. Si tratta di un genere con un tono grintoso e cinico che incorpora elementi cyberpunk (da qui anche il titolo), calando il tutto in un mondo in gran parte di fantasia.


Il bizzarro gruppo di personaggi protagonisti è definito come fattorini disadattati che finiscono sul lato sbagliato della RezCorp, la società malvagia locale il cui unico scopo e di arricchirsi e che controlla la capacità di ciascuno di resuscitare. Così ora i nostri eroi hanno davanti una strada lunga dura e piena di mostri, creature mutanti, animali feroci, e un paio di tipi strani eccentrici che non desiderano altro che di uccidere il vostro team. Affrontare tutti gli ostacoli non sarà impresa facile, in quanto questa avventura può essere un po' difficile. Anche se i primi livelli cominciano abbastanza facilmente, è diventato ben presto impegnativo. Ho dovuto più volte livellare i personaggi per migliorare il mio team, acquistare nuove armi e imparare nuovi incantesimi, che mi hanno permesso di tornare in battaglia più potente e meglio preparato. Ci sono vari personaggi tra cui scegliere, ognuno con diverse statistiche e armi, ma soprattutto una vasta gamma di incantesimi. Il combattimento ha un buon ritmo e funziona bene, anche se s'impiega un po' ad abituarsi al movimento. E' facile imparare gli incantesimi, ma più facile lanciarli accidentalmente sprecando inutilmente del mana. L'esperienza in singolo è stimolante, ma Dungeon Punks è più divertente se avete degli amici con cui giocare. Abbiamo provato il gioco insieme agli amici, e posso confermare che il gioco è più divertente e più facile. Ci sono un sacco di strategie per lavorare fuori, elementi per combattere, e power-up da spartire tra i combattenti, ma nel complesso è il cameratismo e l'emozione della vittoria che mi ha fatto sentire gli sviluppatori, almeno compiuto alcuni dei quali si prefiggono di fare.


Per quanto riguarda i personaggi stessi. Ci sono sei diverse classi tra cui scegliere e si può controllare uno alla volta sul campo di battaglia. C'è ad esempio il guerriero cavaliere Tempest Knight che eccelle in forza, ma debole in  magia e velocità. Drakken al contrario manca di forza, ma ha una velocità incredibile e abilità magiche. Egli dispone di lampi e veleni come parte del suo arsenale. Il nano è l'opposto. La sua resistenza è elevata, ma le altre statistiche sono piuttosto basse, anche se ha il controllo del fuoco. Un ottimo compromesso è Djinn, la cui forza è debole ma che dispone di una buona velocità e un discreto potenziale di magia. Probabilmente il più potente se i suoi attacchi magici sono utilizzati in modo efficace. Vi è poi un lupo mannaro strega con forza moderata che può evocare fantasmi e demoni. Infine, Ierofante saggio e riflessivo è stato progettato simile a un personaggio egiziano ed è l'esatto contrario del cavaliere. Questo personaggio impiega incantesimi di distorsione e di confusione. Non si è in grado invece di controllare il capitano della vostra squadra che appare solo durante le scene iniziali. Ci sono anche altre navi che agiscono come venditori occasionali. Uno di loro aiuta ad aggiornare le capacità di tutti, un altro permette di acquistare e vendere attrezzature. Dungeon Punks è un picchiaduro bidimensionale classico nelle meccaniche di gioco fondamentali. Dovrete eliminare nemici a frotte e andare avanti di livello in livello. Ci sono colpi fisici che infliggono danni e si accumulano mana che vengono utilizzati per attacchi magici. La quantità massima di mana che si può avere in un dato momento è di tre tacche. Ogni eroe ha solo un paio di incantesimi. Ci sono anche oggetti che alimentano la vostra barra di rabbia. Potenti raggi di luce potrebbero brillare giù dal cielo colpire tutto o il vostro personaggio potrebbe saltare in alto, abbattere, e il danno tutto ciò che è intorno a voi.


Conclusione
Dungeon Punks si sviluppa per dodici livelli distinti. Ogni mappa ha circa dieci a venti stanze da esplorare. Ci sono un sacco di diversi tipi di nemici in luoghi differenti come boschi, deserti, paludi, foreste incantate, ecc. Lo stile artistico è molto ricercato e originale. Dungeon Punks dura dalle dodici alle quindici ore a seconda del vostro stile di gioco che non include le nuove modalità che si sbloccano al termine. Vi è ancora molto rigiocabilità grazie alla possibilità di divertirsi con gli amici. Potrebbe a volte risultare un po' ripetitivo passare attraverso alcuni scenari. In definitiva Dungeon Punks è un picchiaduro con elementi rpg riuscito e divertente. Il nostro voto è otto su dieci!
8.0/10

domenica 24 luglio 2016

Review - Kerbal Space Program (PS4)


Kerbal Space Program è uno dei giochi che abbiamo seguito con maggiore interesse fin dal suo primo rilascio. In fondo, è vero: ogni bambino sogna ad un certo punto o un altro della sua vita di essere un astronauta, e crescendo magari anche di lavorare per la NASA in qualche modo, seguendo i lanci spaziali o gli avvistamenti, ma pochissimi in realtà riescono ad arrivare a vivere questo sogno. Questo è ciò che ha reso Kerbal Space Program così attraente quando è stato lanciato per la prima volta su PC l'anno scorso, dopo anni di accesso anticipato. Ora i giocatori di console hanno finalmente ottenuto la possibilità di andare nello spazio con il rilascio di Kerbal Space Program su Xbox One e PS4. I giochi di simulazione sono noti per essere incredibilmente complessi e pieni di profondità, in modo chi si cimenti con essi possa sentire l'esperienza di gioco il più realistico possibile. A prima vista, si potrebbe supporre che Kerbal Space Program sia solo un passatempo da quattro soldi, un simpatico gioco spaziale con dei comandi di base e una modalità di gioco molto semplice. Ma se pensate questo, non c'è nulla di più sbagliato. Siete davvero lontani. I personaggi quasi dei minion presenti nel gioco certo potrebbero indurre più di una persona a pensare questo, ma in realtà troverete in essi degli ingegneri esperti che vi aiuteranno a costruire le migliori e più raffinate astronavi per lanciarsi alla conquista dello spazio e conquistare la luna, il che è molto più difficile di quanto sembri.


Kerbal programma spaziale non smussa tutti gli angoli, in qunato il gioco è quanto di più realistico un simulatore di programmi spaziali sia stato mai creato. L'esperienza è divisa in poche modalità di gioco differenti che confezionano un abito su misura per quello che ciascun utente sta cercando. Ci sono tre modalità di gioco in corso specifiche che si possono provare: sandbox, science e career, ma il gioco offre anche alcuni scenari più accessibili e delle sessioni di formazione molto utli e ben congegnate. La modalità sandbox dà ai giocatori la massima libertà in Kerbal, in quanto il processo di creazione del razzo vi mette a disposizione praticamente tutto la tecnologia esistente. In pratica, è una modalità libera che vi consegna il massimo livello di sviluppo dei simpatici omini. Questo permette ai giocatori di progettare schemi di astronavi incredibili e impensabili e dunque libera l'immaginazione fin dai primi minuti di gioco, senza restrizioni. E' possibile infatti spostarsi su qualsiasi delle altre aree del gioco, e non ci sono sanzioni qualora la vostra astronave si schianti al suolo e uccida il kerbaliano al suo interno. Il livello di opzioni di gioco che offre è impressionante e rende Kerbal Space Program uno dei migliori simulatori di programmi spaziali esistente fino ad oggi. Per coloro che cercano qualcosa di simile all'approccio sandbox, ma con un po' meno di libertà, vi è la modalità science. Invece di partire con tutto sbloccato e di essere in grado di costruire la vostra astronave con qualsiasi materiale e strumento che si desidera, la modalità science vi sollecita a fare ricerca per sbloccare nuove tecnologie e nuovi strumenti da utilizzare. La modalità science riprende essenzialmente la base della precedente ma la arricchisce rendendola un po' più complessa, costringendovi a prendere in mano anche la parte gestionale del programma spaziale.


La modalità carriera è essenzialmente ciò che Kerbal Space Program un titolo completo. Vi affida infatti il controllo della costruzione della astronave, che costituisce l'obiettivo finale del gioco. Tuttavia, tale modalità non vi assegna solo la costruzione e la gestione della ricerca scientifica, ma anche i costi di spesa effettiva che si deve monitorare. Per ottenere il denaro sufficiente per acquistare le parti migliori, si devono vincere gli appalti, che migliorano con il sistema di reputazione. Così dunque sandbox e science sono essenzialmente le modalità più facili per rincorrere il sogno spaziale, mentre la modalità carriera raccoglie le intuizioni di entrambe e rende il tutto ancora più realistico e ovviamente difficile. A causa della propensione di Kerbal Space Program di essere il più realistico possibile, il gioco è incredibilmente difficile da afferrare in un primo momento e si può davvero prendere molto tempo per capire il funzionamento. Il gioco aggiunge un set completo di missioni di addestramento per aiutare ad alleviare questa curva di difficoltà molto ripida, ma anche così queste missioni di tutorial possono risultare abbastanza complicate di per se stesse. Quello che non aiuta qui è che ci sono così tante informazioni da insegnare ai giocatori ma il gioco utilizza un testo così piccolo che può essere difficile da leggere, il che rappresenta un notevole ostacolo per quello che dovrebbe essere lo strumento di insegnamento principale del gioco. Il testo di piccole dimensioni può essere un problema per tutta la partita, come anche durante questo tutorial che rende il tutto molto più problematico.


Progettare disegni di astronavi è già un divertimento di per se stesso, ma anche far volare il razzo spaziale può essere molto gratificante. La maggior parte delle modalità di gioco in Kerbal Space Program comunque richiederà al giocatore di dedicare un po' di tempo ad ogni sessione di gioco, come la maggior parte dei giochi di questo genere, ma il gioco offre anche di più. Fin dall'inizio, avrete un sacco di informazioni che vi permetteranno di saltare in uno scenario specifico del processo, come ad esempio, solo occuparsi del volo con l'astronave piuttosto che preoccuparsi di costruirlo. Questi momenti sicuramente funzionano come un bel cambiamento di ritmo, anche se i giocatori avranno ancora bisogno di acquisire un po' di familiarità con i comandi del gioco prima. I giochi in stile simulazione sono sempre stati meglio costruiti per PC ma in questo caso, ancora una volta, Kerbal Space Program rende la transizione abbastanza bene. Il gioco mantiene un cursore del mouse sullo schermo come mezzo per selezionare gli strumenti e le varie opzioni simili, anche se si sta utilizzando lo stick analogico per spostarlo. Questo può risultare a volte frustrante a causa della sensibilità del cursore, ma un mix di diversi pulsanti e tasti di scelta rapida sono in grado di rendere l'esperienza molto più agevole. Per coloro che hanno giocato Kerbal programma spaziale su PC, il design molto semplice ma ancora affascinante è ancora del tutto intatto anche in questa iterazione su PS4. Dove il gioco fa soffrire di più su console è però il frame rate, anche se non è qualcosa che rovina completamente la vostra esperienza di gioco il più delle volte. Si tratta di poca cosa, che può provocare un po' di fastidio, in particolare quando si lanciano in orbita i razzi, ma nel complesso l'esperienza di gioco è decisamente soddisfacente.


Conclusione
Il nostro verdetto finale di Kerbal Space Program non può che essere estremamente positivo. Si tratta di un gioco unico e impressionante per quantità contenuti. KSP ha impressionato i giocatori PC alla sua uscita finale dello scorso anno e ora i proprietari di PlayStation 4 hanno finalmente la possibilità di indossare i panni di un tecnico spaziale e di intraprendere la corsa verso lo spazio. L'altissimo livello di difficoltà alla partenza può essere scoraggiante per i nuovi arrivati, ma il livello di dettaglio e realismo, mescolato nella costruzione e ai segmenti di volo faranno contenti centinai di giocatori che saranno ripagati ampiamente del tempo speso a imparare il funzionamento di questo straordinario simulatore di programmi spaziali. Il nostro voto è pertanto nove su dieci!
9.0/10

venerdì 22 luglio 2016

Review - Dex (PlayStation 4)


Originariamente pubblicato su Steam e ora arrivato finalmente sulle nostre PS4. Dex crea un mondo unico ed entusiasmante. La sua popolazione è sfacciatamente profana, violenta e sporca, ma su tutto spicca la forte sceneggiatura del gioco. Ma dietro le luci al neon di Harbor Prime emergono alcuni problemi gravi di sviluppo che minacciano pesantemente l'esperienza complessiva di gioco. Ma vediamo allora di che si tratta, immergendoci in questa recensione. Dex è un open world action RPG a scorrimento laterale che si svolge in un lontano futuro ambientato in un universo stile cyberpunk. Si tratta di un titolo che sembra aver preso qualche ispirazione da classici come Shadow Runner per intenderci. Questa combinazione sembra il sogno di un giocatore che si avvera, ma il team Dreadlocks che ne ha curato lo sviluppo sembra aver trascurato di realizzare un gameplay divertente, concentrandosi invece sulla creazione di un ambiente incredibilmente coinvolgente. La città di Harbor Prime è stata infatti splendidamente costruita ed è di gran lunga l'aspetto migliore che il gioco ha da offrire. Vi svegliate improvvisamente nei panni di Dex, con le forze armate che hanno appena sbattuto giù la porta di ingresso della vostra abitazione. Ciò vi costringe a scappare ed esplorare le zone del centro e Highrise glamour, accanto alle squallidi aree industriali, fogne, e cantieri di demolizione. Rinunciando a un mondo enorme e concentrandosi invece su una città singolare e sui suoi diversi sotto-distretti, lo sviluppatore ha creato un ambiente che si sente attivo e reale e che ricorda molto un film cult come Blade Runner. Basta passeggiare e parlare con i vari abitanti della città e avrete la sensazione che questo è una comunità reale che si cammina in giro, piuttosto che un gruppo di pixel in un videogioco.


Il superbo mondo di Dex è in netto contrasto con il gameplay rigido e blando. Vi ritroverete a dover impiegare un sacco di tempo impegnati in combattimenti corpo a corpo, che si riduce a poco più di gettare uno o due pugni e poi a rotolare rapidamente nel momento in cui il nemico tenta di attaccarvi. Avrete la possibilità di bloccare i pugni con il tasto destro cursore, ma questo non è mai realmente necessarie, grazie alla capacità di schivare i colpi. Anche quando si utilizza sia il rotolamento che il blocco in combinazione, ci si può comunque ritrovare ad aver perso più di mezzo barra della salute nella maggior parte degli scontri con i nemici che incontrerete durante la prima metà del gioco, in quanto vi sono molte volte in cui i nemici utilizzano super attacchi che non possono essere bloccati. Inoltre, la decisione di utilizzare gli stick analogici per il movimento sopra il d-pad risulta un po' infelice, in quanto il movimento diventa troppo impreciso, spesso con l'involontaria conseguenza di rivolgere il protagonista nella direzione sbagliata nel mezzo di una lotta o nel tentativo di spazzare la gamba di un nemico invece di lanciare un pugno standard. Questo sarebbe stato facile da evitare se il gioco avesse utilizzato il d-pad, o per la possibilità di scegliere tra stick analogici e d-pad. Dex è anche in grado di affrontare i nemici con armi da fuoco, tuttavia anche in questo caso, si presentano una serie di problemi. Quello più urgente è che mirare con lo stick analogico di sinistra è molto problematico, e ci vogliono quattro o cinque secondi per allineare con precisione un colpo, cosa che si tradurrà in una perdità enorme di tempo con conseguente perdita di salute del vostro protagonista cyberpunk. Molte volte le pallottole non seguiranno nemmeno la stessa direzione della traiettoria di puntamento che viene visualizzata sullo schermo, causando ulteriori mal di testa. A causa di questo, il combattimento corpo a corpo vi apparirà spesso come la scelta migliore, con solo uno o due tipi di nemici potrà infatti essere più conveniente affrontare lo scontro con una pistola. In molte sezioni si ha la scelta di impiegare un approccio stealth invece di andare ad armi spianate. Questo è sempre il metodo preferito e ideale per affrontare il combattimento, ma può essere incredibilmente difficile a causa della visione limitata dello schermo che viene spesso data. E in questo caso, tutto ciò si traduce spesso nel dover fronteggiare nemici che non si aveva alcuna idea di ritrovare lì.


L'altra metà del gameplay di Dex si concentra sulla pirateria informatica, che può aiutare con le sezioni stealth. Ci sono due tipi di hacking. Il primo metodo si concentra su cose come la disattivazione di telecamere di sicurezza e delle pistole sentinella, mentre il secondo tipo mira all'hacking dei computer per ottenere i dati. Hackerare telecamere di sicurezza e sentinelle è estremamente difficile in quanto si devono respingere i virus, mentre si attende che la procedura sia terminata completamente. A meno che non si dispone di alcuni particolari power up che si possono trovare che ti danno uno scudo o che cancellano lo schermo di nemici, non è una possibilità semplice. Hackerare un computer invece è relativamente facile, ma è purtroppo l'aspetto più noioso del gioco. Una volta che si incide il "cyberspazio", il gioco diventa uno sparatutto top-down, dove occorre difendersi da virus e tentare di ottenere informazioni e dati. Queste sezioni sono incredibilmente noiose e prendono troppo tempo per essere completato. Vi ritroverete a spendere circa la metà del tempo ad alterare il cyberspazio, che si sente come un'eternità per essere spesa con un minigioco poco interessante. Il gioco dispone di un ampio sistema di aggiornamento che vi aiuta a sentirvi molto più forti come si sale di livello. Entro la fine del gioco, si avranno il 90 per cento delle statistiche completamente aggiornate, però, il che significa che non avrete nemmeno bisogno di preoccuparvi di ciò che si sta eseguendo in quanto sarete abili in ogni cosa. Ciò ha anche l'effetto aggiunto di farvi sentire troppo potenti, specialmente se combinato con gli aggiornamenti fisici che è possibile acquistare per migliorare aspetti come la salute o aggiungere l'immunità ad attacchi specifici ecc. Con il tempo si raggiunge la quest finale e quella che dovrebbe essere la parte più difficile del gioco. Una parte degli aspetti poco convincenti di Dex deriva dalla mancanza di equilibrio nel gioco tra le missioni principali e quelle secondarie. La quantità di missioni fondamentali della storia è molto esigua, in realtà, ma a causa dei continui aumenti di difficoltà, sarete incoraggiati a completare più missioni secondarie per ogni missione principale che fate. Se avete completato queste missioni secondarie, la quest principale diventerà ridicolmente facile. Dex non è mai in grado di gestire il livello di difficoltà in modo adeguato. La storia diventa rapidamente disordinata e complicata, anche, il che rende molto difficile tenere il passo con i vari colpi di scena.


La necessità di andare sempre fuori e fare missioni secondarie per ore ogni volta rende anche più difficile da seguire il senso della storia. La maggior parte delle missioni sono ramificazioni di percorsi e modi diversi che possono essere risolti, che è qualcosa che è piaciuto molto perché ha avuto un effetto sul rapporto di Dex con varie persone a Harbor Prime, spesso ti costringe a scegliere tra l'essere una brava persona o ottenere ulteriori esperienza, denaro e bottino. Dex può risultare frustrante e soffre di un certo numero di difetti e problemi tecnici, nonché dimenticanze dello sviluppatore. E' molto frequente rimanere bloccati più volte nel gioco senza alcun possibilità di progresso, a causa del cattivo funzionamento del sistema di checkpoint. Invece di far in modo che si ottenga il ripristino della salute, in prossimità o quando si attraversa un checkpoint, vi costringe spesso a riniziare da capo per non ritrovarvi in situazioni in cui non si ha alcuna possibilità di possibilità di sopravvivere, a causa dell'esigua barra della saluta rimasta, e l'unica soluzione è quello di ricaricare un posto di blocco precedente. Abbiamo incontrato diverse di queste situazioni, il che ci ha costretto a ri-iniziare il gioco dall'inizio se volevamo progredire, come abbiamo avuto solo sei punti di salute non importa dove abbiamo caricato. Vi accorgerete inoltre di frequenti e fastidiosi cali nel framerate e difetti che vi costringeranno a rimanere bloccati in un muro quando nel cyberspazio, con il vostro protagonista impossibilitato a muoversi.


Conclusione
In definitiva, Dex è un gioco che lascia un sapore di amaro in bocca. Gli sviluppatori hanno costruito un mondo fantastico, animato, reale, intenso, che ricorda le atmosfere di Blade Runner, con tanti personaggi e aree interessanti da esplorare. Purtroppo il gameplay rende Dex un affare noioso. I combattimenti corpo a corpo risulteranno confusi e privi di sostanza, l'impiego delle armi troppo impreciso e senza alcuna reale utilità per la maggior parte del tempo, e l'hacking risulterà ripetitivo e banale. Il risultato è deludente, sebbene resti la sensazione che il gioco poteva essere un capolavoro per quel che non è stato. Il nostro voto è sei su dieci. Consigliato agli amanti del genere.
6.0/10

martedì 19 luglio 2016

Preview - Battle Brothers (Steam - Early Access)


Battle Brothers degli Overhype Studios è un gioco strategico affascinante e sfidante, con scontri a turni e forti elementi RPG. Ambientato in un mondo di fantasia in stile medievale generato casualmente, vi ritroverete catapultati in un'avventura dura ma gratificante. Vi ritroverete nei panni del capo di una brigata che potrà contenere fino a diciotto elementi e portare avanti varie missioni e quest. Il vostro team potrà essere arricchito da mercenari assoldati tramite contratto nelle varie città che attraverserete, assolutamente sacrificabili, con il loro allestimento, ma con la possibilità di dotarli di nuovi armamenti e di apprendere nuove competenze. A poco a poco, vi immedesimerete in questa nuova affascinante avventura. Dovrete controllare la distribuzione delle razioni, della paga e delle forniture per la vostra piccola squadra. La giocabilità non è differente rispetto ad altri titoli del genere, ma gli scontri risultano particolarmente difficili e richiedono un'attenzione estrema come fossero una partita a scacchi. La storia, seppure ancora in early access, è divertente. La linea di apprendimento è certamente elevata ma con il passare del tempo si prende la mano e il gioco è in grado di dare parecchie soddisfazioni. Lo sviluppo è ancora in corso, come si diceva, ma gli sviluppatori sono molto attivi e rilasciano periodici aggiornamenti, che aggiungono contenuti e migliorano ulteriormente l'esperienza di gioco. Con la recente revisione totale dell'interfaccia utente, Battle Brothers è adesso ancor più che giocabile.


Si tratta di un gioco davvero divertente. Anche nel suo attuale stato di accesso è uno dei migliori giochi strategici. L'atmosfera, lo stile artistico e il gioco in rete funzionano insieme meravigliosamente. Non è un gioco facile e difficilmente perdonerà i vostri errori e in alcuni casi risulterà perfino ingiusto. Ma tuttavia, è un'esperienza incredibile vedere i progressi della vostra iniziale banda squinternata, composta da pochi elementi che cercano di respingere banditi, lupi e non morti, armati di attrezzi agricoli e vestiti di stracci sporchi, fino a gestire un gruppo di guerrieri veterani agguerriti, vestiti con corazze blindate e armati fino ai denti. Alcuni degli eventi casuali sono davvero strepitosi. Durante la nostra prima walkthrough ci siamo portati in giro alcune pelli di lupo, sperando di trovare un villaggio che sarebbe stato disposto a pagare un po' di più per loro, quando un improvviso incontro con un sarto mercenario, ha trasformato alcune pelli in una speciale armatura. Anche la grafica molto piacevole, sebbene non sia certo l'elemento rilevante in questo gioco. Aspettatevi di perdere un sacco di tempo ad imparare le basi della gestione del vostro gruppo. Vi sono numerosi tipi di guerrieri ed anche animali. E' possibile dotarsi di cani e inviarli automaticamente in attacco dei nemici. Ma l'aspetto più importante in Battle Brothers è la gestione del gruppo che deve essere costantemente tenuto sotto controllo per mantenere l'equilibrio tra le differenti risorse. Gli scontri sono tattici e presentano un sacco di aspetti interessanti.


Per quanto ho giocato le abilità di combattimento per lo più dipendono dalle armi equipaggiate e includono degli elementi di vantaggio a seconda delle zona. Battle Brothers, come detto, è un gioco che non perdona. E se non siete cauti e ben armati, è abbastanza facile restare uccisi e se accade, la morte è permanente. Questo strategico si basa molto dunque sulla gestione del rischio e su una scelta oculata degli scontri giusti. Le classi sono molto equilibrate, ma in generale è preferibile contare su personaggi ibridi in grado di colpire a distanza e poi in mischia. Gli oggetti sono molto utili. Certe armature sono in grado di accrescere di molto le vostre statistiche, ma finché non avrete livellato i parametri dei vostri soldati non ha senso mettere roba costosa con un sacco di armatura su di loro. Certo ci sono ancora delle imperfezioni. Il gioco del resto è ancora incompleto e non tutto funziona perfettamente. La mappa con altezze diverse sembra un po' disordinata, e vi sono alcune abilità di gioco non molto interessanti. Il gioco è ancora privo di contenuti: oggetti, luoghi da visitare, varietà di missioni e obiettivi globali. Sulla base di questo, riteniamo comunque di consigliarvi questo gioco. Nei prossimi mesi sarà ulteriormente migliorato, ma già adesso avrete tra le mani un ottimo gioco nel suo genere.


Conclusione
Battle Brothers è un interessante e divertente strategico a turni, in cui impersonate il capitano di una piccola banda di mercenari. Lo stilo artistico, i combattimenti, la colonna sonora, il mondo generato a caso ogni volta che si effettua una nuova campagna sembra tutto funzionare perfettamente, nonostante sia in early access. Si tratta di un titolo davvero ben studiato e realizzato. Ad alcuni utenti questo titolo potrà ricordare un altro grande gioco fantasy come Mount & Blade. Ma Battle Brothers è un titolo originale in grado di distinguersi dalle sue fonti di ispirazione. Se vi piace il genere, è il titolo che fa per voi. Già adesso acquistandolo potrete godere di ore e ore di divertimento. E' un gioco difficile ma adatto a tutti!

sabato 16 luglio 2016

Preview - Exanima (Steam - Early Access)


"Esplorare, combattere, sopravvivere e svelare misteri in un unico e spietato RPG isometrico 3D ambientato in un mondo oscuro e pericoloso". Con queste poche parole, Bare Mettle Entertainment vi invita a immergervi all'interno di Exanima, un titolo che ha catturato la nostra attenzione fin dai primi momenti e che oggi abbiamo l'occasione di recensire in versione Early Access per il nostro pubblico di lettori. Exanima, precisano gli sviluppatori, non è un'avventura come le altre, in quanto insiste in particolare nel prestare una eccezionale attenzione ai dettagli allo scopo di restituire una simulazione realistica dei movimenti dei personaggi e dell'ambiente e realizzare un'esperienza di gioco profondamente coinvolgente e dinamica. Gli sviluppatori sono molto ambiziosi rispetto a questo RPG che vuole rappresentare un tentativo di innovare il genere. Il gioco è stato finanziato attraverso la piattaforma Kick Starter ed ha già raggiunto un livello di completamento accettabile. Si tratta di un lavoro preciso e attento all'opinione degli utenti che attraverso i loro feedback stanno aiutando gli ideatori a rendere ancor più godibile questa avventura. Exanima costituisce soltanto il primo passo di un progetto molto più vasto che porterà alla pubblicazione di un gioco open world intitolato non a caso Sui Generis. Siamo davvero eccitati di aver messo le mani su questo titolo e di seguito proveremo a spiegarvi in cosa questo gioco il perché del nostro entusiasmo.


Exanima non è affatto come altri giochi di ruolo. Ciò è vero per diversi motivi, ma l'aspetto innovativo più evidente è costituito dal tentativo di realizzare dei combattimenti completamente realistici dal punto di vista della fisica. Sembra un aspetto di poco conto, ma quando si indossano i panni del protagonista e si affrontano i primi ostacoli ci si accorge quanto possa essere difficile gestire uno scontro reale. Ogni collisione ha un effetto preciso che dipende da molteplici fattori, come la velocità con cui si verifica, o la presenza di oggetti e altri ostacoli lungo la vostra traiettoria. E così ogni combattimento richiede cautela e tempismo, riflessi pronti per schivare il colpo del nemico e altrettanta attenzione per sferrare il colpo mortale. Scordatevi di fare a pezzi decine di nemici con un colpo solo. In Exanima, se sottovalutato, come nella vita reale, anche il nemico più debole può farvi secchi. Certo Ciò significa che Exanima potrebbe non piacere a tutti, ma noi abbiamo trovato il tentativo degli sviluppatori davvero degno di lode, oltre che coraggioso. Exanima rappresenta infatti una ventata di aria nuova nel panorama videoludico. Siamo rimasti affascinati dal combattimento, dall'esatta corrispondenza tra l'impatto osservabile di un colpo e il danno che causa, dalla prudenza e dal controllo che richiede per ogni avversario. Certo non tutto funziona ancora alla perfezione e trattandosi di una versione alpha, vi sono delle situazioni in cui il vostro personaggio sembra più un burattino che una persona in carne e ossa. Questo, combinato con il fatto che non vi è la possibilità di salvare, rende ogni partita difficile.


Attualmente ci sono tre grandi livelli da esplorare, secondo il dev, che finiranno per servire come introduzione ad un altro settore molto più grande, più aperto, ancora inedito, che contiene la maggior parte dei contenuti del gioco. C'è già una modalità arena separata, in cui i giocatori possono affinare le loro abilità di combattimento. Quello che abbiamo provato si percepisce come qualcosa ancora di incompleto, ma anche così, Exanima è un gioco potenzialmente straordinario, graficamente maturo e con un sistema di combattimento formidabile e innovativo come nessun altro gioco prima. Non siamo mai stato così immersi in un RPG isometrico come in Exanima. Non è davvero semplice descrivere a parole quanto particolare sia l'esperienza di gioco ricreata dagli sviluppatori. Certo all'inizio potrete trovare qualche difficoltà, ma una volta padroni del combattimento sarà davvero una gioia assoluta da sperimentare. Il sistema di gestione del personaggio è molto semplice e intuitivo, mentre le statistiche delle armi e delle armature sono ancora troppo vaghe e generiche e forse andranno migliorate. Exanima è un gioco ancora work in progress e dunque qualsiasi giudizio è provvisorio, ma in fin dei conti è un titolo che già eccelle sotto molti aspetti. Non vi è il minimo UI, che è al tempo stesso una buona e una cattiva cosa. Il gioco non dà alcun senso di quello che potrebbero essere i vostri obiettivi, abbiamo impiegato un po' per renderci conto di essere in viaggio verso i sotterranei. Non ci sono mappe, il che per alcuni potrebbe essere un problema. Alcuni potrebbero dover trovare la strada per tutto il tempo, e sentirsi costantemente persi. Sarebbe utile se ci fosse la possibilità di attivare una mappa. E' anche un peccato che le chiavi sono a volte indistinguibili tra loro, con le loro descrizioni fin troppo essenziali. Insomma dettagli che saranno sicuramente risolti nelle prossime versioni.


Conclusione
Exanima è un titolo ancora in sviluppo ma con un potenziale innovativo straordinario. Il genere degli RPG potrebbe essere rivoluzionato dopo il rilascio di questo titolo. I Bare Mettle Entertainment stanno portando avanti un lavoro straordinario. Consigliamo fermamente questo gioco a tutti gli appassionati del genere, ma dobbiamo anche mettere in guardia eventuali aspiranti acquirenti che si tratta di un titolo difficile che richiede molta pazienza e attenzione e che soprattutto adotta un approccio molto minimalista quando si tratta di interfacciarsi e di dare informazioni giocatore. In definitiva, Exanima è una grande sopresa e anche se in Early Access merita una fiducia incondizionata!


giovedì 14 luglio 2016

Review - Song of the Deep (PS4)


Di questi tempi, trovare un gioco originale risulta sempre più difficile. Le software house fanno a gara a riciclare temi e generi visti e rivisti decine di volte. Song of the Deep degli Insomniac Games si distingue dalla massa fin dalla scelta del setting: le profondità degli abissi. Raramente infatti quello marino è un mondo al centro dei videogiochi ma il team sembra avere le carte in regola e ci regala una avventura in stile metroidvania davvero divertente e ricca di contenuti. Il gioco si apre come un libro di racconti illustrato. Al centro della storia, troviamo la vicenda di una giovane ragazza, Merryn, il cui padre pescatore un bel dì non è ritornato da una giornata di pesca. L'attesa di Merryn si protrae per tutta la notte, ma al mattino non c'è ancora traccia di suo padre. Quando finalmente si addormenta, la nostra giovane eroina ha un sogno vivido di suo padre intrappolato sotto il mare, e Merryn al suo risveglio decide che deve andare in suo soccorso, costi quel che costi. A tal fine, si costruisce un sottomarino sgangherato utilizzando vecchi pezzi di ricambio, e dà inizia a una fantastica avventura sottomarina. L'esordio inaugurale dalla nuova etichetta GameTrust di GameStop non poteva essere migliore. Song of the Deep è un'avventura bidimensionale a scorrimento laterale in stile metroidvania ambientata negli abissi in cui si pilota un sottomarino traballante in cerca del padre prigioniero di Merryn. La mappa è davvero ricca e di grandi dimensioni, e comprende una grande varietà di diverse aree che hanno il proprio look distinto grazie a uno stile artistico curato e originale. La nostra eroina inizia praticamente con un sottomarino essenziale, ma per fortuna ci sono pezzi di ricambio e attrezzature varie che si possono trovare lungo l'esplorazione e che possono essere inserite sul nostro mezzo per aggiornarlo. Un gancio retrattile è forse il pezzo più importante tra i differenti upgrade e ci aiuterà moltissimo lungo la strada. Il gancio può essere utilizzato per diversi scopi, può essere impiegato per aggrapparsi ma anche per raccogliere oggetti, oltre che essere utilizzato come arma offensiva per colpire e distruggere le creature sottomarine ostili che spesso si incontrano in viaggio. Il gancio può anche essere girato in qualsiasi direzione lo si desidera, una funzionalità che svolge un ruolo importante nel gioco, come si procede nell'esplorazione della mappa.


Ma non sono gli unici upgrade da aggiungere al vostro sottomarino. Altri miglioramenti da trovare includono un aggiornamento del motore che incrementa temporaneamente la velocità del sottomarino e che è l'ideale per affrontare e superare le forti correnti marine che impediscono altrimenti di accedere a certe aree della mappa. C'è anche un dispositivo sonar, tre diversi tipi di siluri, e una conchiglia che consente alla nostra giovane eroina di uscire dal sottomarino e nuotare intorno sfruttando le sue dimensioni. In tipico stile metroidvania, questi miglioramenti di solito consentono di accedere a nuove aree della mappa. Ad esempio, il siluro magma che si prende può essere utilizzato per distruggere le barriere di ghiaccio che bloccano la strada, mentre un aggiornamento del sonar verso la fine del gioco vi permetterà di mandare in frantumi pareti di vetro per attivare interruttori e aprire delle porte che prima erano impraticabili. Il design di Song of the Deep è dunque quello di un metroidvania classico, e funziona bene nel modo in cui gestisce la progressione dell'avventura. Gli aggiornamenti poi possono essere potenziati utilizzando il denaro. Sparsi in tutto l'ambiente del gioco troverete infatti monete, gemme, statue e altri tesori che hanno un valore economico. Raccogliere questi oggetti vi consentirà di impiegarli come moneta di scambio da consegnare ai vari paguri commercianti che incontrerete lungo il vostro percorso. Grazie a questi incontri potrete migliorare ulteriormente la vostra attrezzatura. In questo modo, ad esempio, il gancio potrà essere esteso e ulteriormente migliorato per fare più danno alle creature nemiche, e l'aumento di velocità potrà aumentare in durata e ricaricarsi in un tempo più veloce, anche i siluri potranno essere modificati, ed il dispositivo del sonar aggiornato per aggiungere ulteriori capacità offensive. Ogni aggiornamento risulterà utile via via che si avanza in profondità nel gioco e si incontrano creature sottomarine sempre più ostili.


La ricerca di Merryn è un viaggio che comprende sia fasi di esplorazione e puzzle da risolvere. All'inizio del gioco, alcune porte bloccano la via da seguire, e l'unico modo per aprirle è quello di mettere insieme i pezzi di alcune statue andate in frantumi. In queste situazioni, il gancio vi tornerà estremamente utile e sarà anzi fondamentale. Con questo strumento potrete infatti prendere la testa di una statua e posizionarla sopra al corpo correttamente in modo da attivare un meccanismo che vi consentirà di aprire un varco. Ben presto, però, i puzzle prenderanno una svolta più impegnativa e sarà necessario un certo coordinamento e una certa attenzione per superare i differenti meccanismi.  Il tempismo di questi particolari puzzle è molto stretto, ed è essenzialmente basato sulla fisica. Più in profondità si entra in gioco, e più sofisticati diventano i suoi enigmi. C'è una sezione davvero coinvolgente e piuttosto impegnativa del gioco che richiede di rifrangere fasci di luce per attivare le porte e altri pezzi di macchinari, e più avanti nel gioco si arriva a spingere e tirare armi esplosive peraprire nuovi percorsi. La natura dei puzzle è varia e divertente, ed il modo in cui sono presentati è abbastanza romanzato. Il gioco è molto ben narrato nei momenti chiave. In sostanza, gli sviluppatori, raccontando la storia di Merryn, forniscono anche alcuni indizi su cosa fare per andare avanti. Tuttavia, non si tratta di seguire semplicemente delle istruzioni. Ci sono un sacco di puzzle da risolvere autonomamente. La maggior parte richiedono una combinazione di coordinazione e riflessi, così come uno sforzo cognitivo per capire la soluzione corretta, e nel complesso sono ben progettati e risultano piacevoli e gratificanti da risolvere.


Song of the Deep non sarebbe completo se non vi fossero scontri con i boss, e gli Insomniac non se ne sono dimenticati. Il gioco offre diversi nemici, ma la maggior parte di essi si sono rivelati un po' deludenti. Il primo scontro importante è abbastanza lungo e laborioso, e l'ho trovato più un lavoro di routine che una lotta divertente. Ci sono anche diversi incontri in cui è necessario usare il gancio come arma. Ho trovato queste situazioni un po' imbarazzanti, perché mirare e sparare con il gancio  a volte è impreciso e un po' vago, il che può rendere il procedimento un po' frustrante, soprattutto quando si resta colpiti da una bomba lanciata da noi stessi. In definitiva abbiamo trovato Song of the Deep un titolo profondo e ricco di contenuti anche se un po' carente nelle fasi più importanti, in quanto gli scontri con i boss semplicemente non sembrano avere quella scintilla di creatività e fantasia che invece si ritrova in molti enigmi del gioco. Fortunatamente, però, il resto del gioco è davvero solido. Esplorare gli ambienti di Song of the Deep è una esperienza meravigliosa. I fondali sono disegnati in maniera magistrale. La qualità degli sfondi è assolutamente superba, con un'attenzione ai dettagli straordinaria: più vicino alla superficie, banchi di pesci nuotano insieme, giochi di luce riflettano sui fondali. Immergendosi nelle profondità, le cose si fanno più scure e più tetre. Ci sono relitti da esplorare, sottomarini giganti, e anche aree piene di pericoli neri come la pece. Song of the Deep è sicuramente un gioco fantastico ed enorme. Anche la musica è d'atmosfera e accompagna l'azione in modo ideale. E' per lo più abbastanza soft e funziona davvero bene con gli ambienti sottomarini per aumentare la sensazione di meraviglia e l'inquietudine che il gioco suscita. La colonna sonora di Song of the Deep è anzi una delle migliori che sono state composte per un gioco negli ultimi anni.


Conclusione
Song of the Deep è una avventura davvero divertente e originale. Gli Insomniac Games compongono un titolo completo fedele allo stile classico del metroidvania, ma capace anche di distaccarsi con alcune proposte originali. Classico è lo stile tipico del genere, ma i puzzle, la presentazione e l'ambiente subacqueo regalano un'esperienza originale. Forse gli scontri con i boss avrebbero potuto essere un po' più interessanti ed epici, ma in fin dei conti va bene anche così. L'unica altra pecca è che Song of the Deep presenta un solo slot di salvataggio. Si tratta di un problema minore, ma sembra una svista. In definitiva, Song of the Deep è un gioco davvero ben realizzato che offre un'esperienza divertente che vi richiederà una decina di ore per essere portata a compimento. Come inizio per il marchio GameTrust non è davvero male. Il nostro voto è otto su dieci.
8.0/10